lunedì 27 marzo 2017

LA MIA TORTA PASQUALINA PER IL CLUB DEL 27.

Poiché due è meglio di uno, dopo MTChallenge, ecco infilarmi in un altro progetto, quello di "Il Club del 27", per raccogliere nuove sfide. 
Il numero 27 indica la data in cui tutti i membri appartenenti a questo Club ogni mese, contemporaneamente, devono pubblicare  una ricetta.    
Ma cosa? Quale ricetta..? Chi? Un attimo.
“Il Club del 27” nasce come progetto per rifare le ricette del "Tema del Mese" dell'MTChallenge "del tempo che fu", con lo scopo di rimettere in circolazione le ricette che la Community MTC ha preparato nel corso degli anni precedenti e che nel meccanismo stritolante della sfida mensile e del web, rischiano di finire nel dimenticatoio, o addirittura di passare inosservate. E poiché sono tutte dei piccoli capolavori, è un vero peccato non recuperarle e riproporle in una dimensione di maggiore lentezza.
E allora con marzo parto per questo nuova avventura e, vista l'imminenza della Pasqua propongo: 
La Torta Pasqualina
presa dalla sfida MTChallenge n. 23 
INGREDIENTI.
Pasta: Impastate 300 g di farina “0” con il sale, 30 g di olio, ½ bicchiere di vino bianco secco e circa ½ bicchiere di acqua  per ottenere una pasta morbida (circa 150 g di liquidi), ma non appiccicosa.
Dividete in 5 palline e fate riposare coperta almeno 1 ora, meglio 2.
Ripieno: Pulite 1,2 kg di bietole, togliendo quasi tutta la parte del gambo, tagliatele a striscioline e saltatele in padella con olio e.v.o. maggiorana e cipolla tritata. 
Deve asciugarsi bene tutta l’umidità.
Lasciate raffreddare.
In una ciotola lavorate 250 gr di “prescinseua” genovese con 50 gr circa di parmigiano grattugiato, un generoso pizzico di maggiorana, sale e pepe.
Alternativa alla “prescinseua”: ricotta e yogurt in proporzioni
secondo il proprio gusto. La prescinseua, comunque e' acida…
L'importante e' che lo yogurt sia compatto.
PROCEDIMENTO.
Stendete una pallina in una sfoglia sottile e foderate il fondo e le pareti di una teglia tonda (diametro 22-24) unta d’olio facendola un poco debordare (ungete anche il bordo della teglia altrimenti la pasta si strapperà quando dovrete arrotolarla) Ungete la pasta di olio con il pennello, stendete la seconda sfoglia. Versate dentro le bietole e sopra il composto di formaggio.
Poi con il dorso di un cucchiaio fate 3 o 4 incavi a distanza regolare e in ognuno rompete un uovo; salate e pepate e versate un filino d’olio su ognuno. Le altre 3 sfoglie devono essere tirate sottilissime e non devono assolutamente avere buchi. Tirate prima con il matterello e poi allargate la sfoglia con i pugni infarinati, ruotandola, come si fa per la pizza (non è facile farlo senza bucare la sfoglia).
Tirate la prima delle tre sfoglie e coprire il ripieno, facendo debordare la sfoglia di lato. Ungete bene la superficie con un pennello o con le dita delicatamente (sotto ci sono le uova intere!!!).
Appoggiate la seconda sfoglia, ungete bene; appoggiate al bordo una cannuccia per soffiare aria fra uno strato e l’altro di pasta del coperchio; appoggiate l’ultima sfoglia e ungete anche questa molto bene.
A questo punto arrotolate il bordo a cordoncino (se è troppo tagliarne una parte con le forbici).
Quando è ben gonfia come un palloncino togliete rapidissime la cannuccia e sigillate l’apertura.
Infornare a 180° per 40-50 minuti o fino a doratura della pasta.
Appena tolta dal forno spennellate delicatissimamente di olio. Raffreddandosi la pasta si ammorbidirà e, se l’avrete fatta abbastanza sottile, scenderà come un velo!

16 commenti:

  1. Sicuramente una bontà ed hai trovato anche la prescinseua. Che brava!

    RispondiElimina
  2. Molto bella e golosa, complimenti!

    RispondiElimina
  3. Bellissima e immagino buonissima... è un classico delizioso! Un bascione e buona settimana

    RispondiElimina
  4. Bellissima e immagino buonissima... è un classico delizioso! Un bascione e buona settimana

    RispondiElimina
  5. Che dire? Complimenti per una pasqualina che sarà stata buonissima

    RispondiElimina
  6. Concordo con chi mi ha preceduto la tua pasqualina è proprio una bontà! Complimenti

    RispondiElimina
  7. Una bella versione con il formaggio giusto, magari trovarlo qua, bella e buona di sicuro, uno dei classici che piaceranno sempre, complimenti

    RispondiElimina
  8. Grazie a tutti.
    La prescinseua me l'ha portata un'amica.
    Io poi ho congelato i vasetti e ora che serve... voilà.

    RispondiElimina
  9. ma che bella ricetta e che bella foto, sembra proprio tratta da un libro di cucina degli anni '80, l'atmosfera che hai creato sa di casa e di buono.
    La Pasqualina è perfetta!

    RispondiElimina
  10. bravissima...la pasqualina è una torta salata meravigliosa...

    RispondiElimina
  11. Un tripudio di pasqualina dire...stupenda :-)

    RispondiElimina
  12. Da ligure devo dire che la tua pasqualina mi entusiasma, ed è un must della Pasqua (nomen omen), così come dei picnic che varranno a seguire. Benvenuta fra noi, in questo pazzo gruppo :-)

    RispondiElimina
  13. Questa è una delle mie torte salate preferite. Non conosco la prescinseua, io la faccio solitamente con la riccotta, ma la tua versione mi piace tanto. brava

    RispondiElimina
  14. Secondo me anche un buon yogurt greco può sostituire benissimo la prescinseua senza diventare matti a cercarla! ;-)

    RispondiElimina
  15. wow che pasqualina alta... davvero da ammirare!

    RispondiElimina
  16. Grazie.
    Ora passerò nei vostri Blog. Ho da imparare...😋

    RispondiElimina