sabato 24 settembre 2016

GNOCCHI DI PATATE CON BURRO FUSO, SALVIA E CANNELLA. Per MtChllenge n. 59

La sfida di questo mese per l'mtchallenge mi ha proprio preso.
Il tema della sfida n. 59 è: gli gnocchi di patata. Geniale.
Lo ha proposto Annarita Rossi del blog Il bosco di alici.
Il post di Annarita si è rivelato fonte di ispirazione e così, io che di solito frequento la cucina tradizionale e semplice, mi sono cimentata in variazioni sul tema gnocchi. Senza esagerare.
In questo caso mi sono ispirata all'antica cucina veronese e ho profumato il condimento di questi gnocchi con un pizzico di cannella. E poi ho voluto provare le patate a buccia rossa e paga gialla, che uso poco perché le trovo un po' tendenti al dolce. Ma qui stanno benissimo!
Del resto gli gnocchi sono buoni in tutte le salse.











                                                         INGREDIENTI per 4 persone
PER GLI GNOCCHI:
Patate con la buccia rossa 1 kg
Farina "0" 300 g

PER IL CONDIMENTO:
Burro 200 g
Salvia un rametto
Cannella in polvere un pizzico
Sale e pepe q.b.
PROCEDIMENTO:
Lessate le patate con la buccia, pertendo da acqua fredda, per 40 minuti da quando prendono il bollore. Sbucciatele calde, passatele con lo schiacciapatate, mettetele su una spianatoia e aspettate che raffreddino un po'. 
Poi aggiungete la farina poco per volta e, velocemente, formate un panetto liscio e morbido.
Procedete con la fattura degli gnocchi, formando dei rotolini, tagliando i pezzetti e passandoli sul rigagnocchi. Allineateli su un telo pulito e leggermente infarinato.
Intanto che l'acqua bolle, in un tegame capiente, fate fondere il burro con la salvia.
Cuocere gli gnocchi, pochi per volta, nell'acqua salata e quando vengono a galla metterli nel tegame. Spadellare a fuoco basso per circa 1 minuto e spolverare col pizzico di cannella.

VINO: bollicine. Un Franciacorta o un buon prosecco.

GNOCCHI A MARE per MTC N. 59

Settembre. 
Riprende l'mtchallenge, la sfida in punta di fioretto tra blogger su una ricetta a tema.
Il tema della sfida n. 59 è: gli gnocchi
Lo propone Annarita Rossi del blog Il bosco di alici.
Devo dire che mi gusta proprio. 
Io sono Partenopea di nascita e di formazione e da anni vivo a Verona, quindi gli gnocchi, ormai, ce li ho nel DNA, perché a Napoli e in tutto il golfo c'è tradizione di gnocchi, chiamati anche la pasta di casa e Verona è proprio la città degli gnocchi, al punto che ha dedicato loro la sua maschera carnevalesca, il Papà de Gnocco. 
In casa mia ogni volta che ci sono pranzi con molti commensali si parte di teglie con gnocchi alla sorrentina che fanno felici tutti e a Carnevale il venerdì gnocolar, dopo la sfilata dei carri ci si ritrova sempre con tutti gli amici per una serata a base di gnocchi in tutte le salse.
Tanto mi appassiona l'argomento che credo di aver declinato questo piatto in ogni possibile variazione: gnocchi di pane, gnocchi di ricotta, gnocchi di semolino, gnocchi di zucca, alla parigina, alla romana...
L'unica problema è trovare le patate giuste, perché fare gli gnocchi sembra facile, ma è un attimo che in pentola ti diventano una colla immonda. 
Per evitare questo, a mio avviso, 3 sono i punti cardine, irrinunciabili, per una corretta fattura:
1 - patate a pasta bianca VECCHIE
2 - niente uova nell'impasto
3 - le patate si sbucciano e si schiacciano CALDE
Qui li propongo con un condimento "di mare" e un po' di terra, che a me piace molto.

Del resto le patate si sposano bene col pesce e gli gnocchi, soffici e avvolgenti, ben sanno armonizzarsi con la sapidità delle cozze, la dolcezza delle zucchine e il profumo dei gamberi.


INGREDIENTI per gli gnocchi (4 PERSONE)
patate vecchie a pasta gialla 1 kg
farina 00  300 g (ma poi si va seguendo l'impasto)



PREPARAZIONE
Lessate le patate con la buccia, mettendole in pentola con abbondante acqua fredda e una manciata di sale. Pelatele ancora calde e passatele con lo schiacciapatate.
Mettete le patate su un piano di lavoro ben infarinato, far evaporare bene e impastate velocemente aggiungendo la farina un po' alla volta, fino ad ottenere un composto compatto ma allo stesso tempo soffice. La farina può variare a seconda della qualità delle patate impiegate.
Dividete l'impasto in filoni e lavorateli sino ad ottenere dei cilindri spessi 2/3 centimetri.
Tagliando i filoni in pezzetti ottenete gli gnocchi.
Per fare la caratteristica rigatura, che assorbe il sugo e rende lo gnocco saporito, dovete passare gli gnocchi velocemente sui rebbi di una forchetta (oppure utilizzare un rigagnocchi) e disporli su vassoi leggermente infarinati in modo da non sovrapporli. 
Gli gnocchi vanno poi cotti in acqua bollente e scolati appena vengono a galla. 


INGREDIENTI per il condimento.
Cozze 1 kg
Code di gamberi già sgusciate 12
zucchine 2
pomodori datterino 6
olio extravergine di oliva 10 cucchiai
aglio 1 spicchio
basilico 8 foglie
sale e pepe q.b.

PREPARAZIONE
Pulite le cozze, togliendo il filamento esterno e lavandole bene.
Fatele aprire in una pentola coperta, a fuoco vivo.
Sgusciatene una parte e tenete intere quelle più belle per decorare il piatto.
Filtrate l'acqua e tenetela da parte.
Tagliate sottilmente, a julienne, le zucchine e i pomodori.
In un tegame capiente mettete l'olio e l'aglio schiacciato a rosolare.
Togliete l'aglio e aggiungete le zucchine e i pomodori. Fate saltare velocemente.
Aggiungete le code di gambero. Salate e spegnete dopo 1 minuto.
Prendete metà delle zucchine e frullatele con qualche cucchiaio di acqua delle cozze e le foglie di basilico, fino ad ottenere una crema.
Lessate gli gnocchi pochi per volta, in abbondante acqua salata.
Appena affiorano pescateli e metteteli nel tegame, con il condimento caldo.
Aggiungete la crema di zucchine, girate delicatamente, aggiungete le cozze sgusciate e impiattate, decorando ogni piatto con le cozze intere.
Una generosa macinata di pepe.

VINO:Accompagnate con un vino rosato fermo, non troppo giovane.